di Lauradenu

A quasi 2 mesi dal terribile sisma del 6 Aprile, osservo il "fondo" e pure il "doppiofondo". Passata
l'emergenza, resta l'emergenza, continuerà l'emergenza. Però abbiamo imparato a sopportare le continue scosse, che ancora non ci salutano definitivamente.... Dopo la sfilata di qualche ministro di governo, ovvia peraltro, e le visite ripetute del presidente del consiglio, è calata una sospetttosa pace dei sensi.
Basta farsi un giretto, dove è possibile, per rendersi subito conto che, i progetti di ricostruzione, i servizi, in città e nelle tendopoli, forse non esistono ancora, neppure sulla carta. Eppure la gente mantiene, solo per ora spero, una inquietante serenità, che io leggo come -abbiamo perso tutto, magari ci tolgono anche da mangiare -I poteri speciali del governo rallentano inesorabilmente l'inizio della ripresa. Chi ha dato un significativo aiuto a questa tragedia, la protezione civile, le associazioni di volontari e i tanti sfollati che, a loro volta, lavorano nelle tendopoli con dignitoso silenzio. Gli immancabili gruppi e associazioni cattoliche che distribuiscono prediche - benediamo questo cibo che non abbiamo meritato - l'ho sentito con le mie orecchie durante un pasto in una tendopoli cittadina. Ma quasi nulla è stato fatto, intanto per liberare la città dalle macerie ancora giacenti lì dove il 6 aprile sono crollate. Nei primi decreti si era parlato dello spostamento degli sfollati, in vista dell'arrivo del forte caldo, in sistemazioni più idonee, ma chi lo ha fatto ha messo mano alle proprie risorse, già ridotte all'osso dopo il sisma. Ed è notizia accertata di gente che, pur avendo la casa in categoria A, e quindi senza alcun danno, o addirittura più di un immobile, non ha perso tempo nel chiedere accoglienza negli alberghi della costa, dove risiedono migliaia di veri sfollati. I soliti scandali all'italiana....
Gente già ferita nel corpo e nel cuore costretta a estenuanti file nei siti delle amministrazioni comunali e dei servizi, per capire cosa fare, dove e quando, a causa della totale assenza di chiarezza in mezzo a scartoffie e decine di moduli da compilare. Spesso domande prive di risposte..... Ma velocissimi nel sistemare percorsi stradali dissestati da trent'anni, in previsione del G8 che si terrà a l'Aquila in luglio: G8 che secondo i più ingenui porterà fama e risorse economiche per la ricostruzione. In tanti ci si chiede, perchè trasferire il G8 in una città distrutta nei servizi, nell'agibilità, nella viabilità, nell'incapacità di sostenere eventi del genere. In una città che non ha più la legittima voglia di essere disturbata nel suo accorato silenzio.
Messi in sicurezza i monumenti storici, individuati i siti che dovranno accogliere le sedi universitarie, grande fonte di ricchezza per la città, ammesso che qualche studente decida di continuare gli studi, vivendo in case da poco ristrutturate, che hanno seppellito amici e compagni a decine. Per quanto ancora tanto degrado?
Per quanto ancora le macerie sosteranno agli angoli delle strade, ricordo visivo di una tragedia, solo perchè non ci si preoccupa di individuare siti per contenerle, contenendo tra l'altro materiali di costruzione vietati e quindi altamente tossici. E presto apriremo dibattiti a tema libero con i topi.......Mi auguro che il governo eviti strumentalizzazioni politiche, a mio parere già in atto. Il sospetto è nell'aria. Aquilani, controlliamo chi controlla, difendiamo il nostro potere decisionale e l'autodeterminazione e difendiamo la nostra città da delinquenti legalizzati. Anche se la storia è tutta da riscrivere. Che le continue modifiche a ordinamenti e decreti si trasformino in chiarezza e fatti concreti, non in propaganda politica. Qualcuno dovrà occuparsi degli oltre 20 mila disoccupati, che si aggiungono a quelli già numerosi prima del sisma. Riorganizzare la scuola, tassello importantissimo per una società civile, già messo in ginocchio dalle recenti riforme del governo. Suggerire a chi aveva o gestiva attività commerciali, di che morte dovranno morire. L'inevitabile crollo di una economia già in profonda crisi, tutto questo rappresenta una pericolosa premessa per il futuro della città. A causa di scandalose amministrazioni inadeguate e incapaci da sempre a cambiare vestito a questa città, da sempre ostica e chiusa al nuovo, agli investimenti esterni, al rinnovamento sociale e culturale.
Adesso che ci siamo assicurati i monumenti, che abbiamo certi percorsi stradali rimessi a nuovo, pensiamo alla vera emergenza, perchè calata la tensione iniziale, anche l'attenzione dei media sarà presto briciole per i piccioni. "DIO" non voglia possa sfuggirci qualcosa. Non tutto e subito ma poco e sicuro nel tempo che verrà. Tutti dovremo esserci, se ci interessa, a far sì che le cose vadano come devono andare, e non come sono andate negli ultimi 20 anni. Non voglio spingermi in terreni troppo caldi, almeno non in questo contesto, ma invito la città intera, sindaco compreso, a osservare con molta attenzione COSA SUCCEDE IN CITTA'. A dopo il G8, le Europee, e le amministrative con la speranza che gli italiani rintraccino al più presto la loro lucidità....

0 commenti:

Posta un commento

I commenti anonimi sono sottoposti a moderazione. E' vietato inserire link cliccabili.
Anonymous comments are moderated and it's forbidden to insert clickable links.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *