Fallimento politico e civile per gli Aquilani che gridano VITTORIA!
di Lauradenu

L'ennesimo rito, l'ennesima trappola che bello navigare sul vecchio fiume delle strumentalizzazioni poilitiche. Le questioni transcom e coop, non aspettavano altro che il disastro per autoliquidarsi in sordina. Questa è storia vecchia, tanto vecchia che le amministrazioni se ne erano dimenticate. Cosa deve succederci per cambiare il nostro modus pensandi... Vi siete commossi per le passeggiate del premier, la vittoria del pdl è tutt'altro che una conquista, ma rappresenta il sicuro dissesto in tutti i fronti. Economico, sociale, territoriale. La nostra identità di cittadini, già nel fosso, verrà schiacciata da politiche di regime, dove al massimo, passeremo i prossimi vent'anni a leccarci le ferite. Possibile che l'italia sia ammalata fino al punto di non essere più capace di guardare meglio all'europa, agli stati di vera democrazia, dove persino la destra, non è la destra italiana. Vogliamo garantirci tempi di democrazia vera, affiancarci a chi si batte sul serio per la difesa dei diritti. O a questo non ci pensa più nessuno!!! Terremoto a parte, dov'è finita l'italia idealista rispetto alle vere questioni che crolllano-liberalismo, libertà, democrazia,libera informazione, diritti umani, diritti civili, autodeterminazione- vi ricorda qualcosa, o si è tutti davvero burattini cronici?

Non contate sulle amministrazioni locali, che hanno già ampiamente mostrato un silenzio omertoso e pericoloso. Dunque grazie, per il fallimento elettorale e civile.

0 commenti:

Posta un commento

I commenti anonimi sono sottoposti a moderazione. E' vietato inserire link cliccabili.
Anonymous comments are moderated and it's forbidden to insert clickable links.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *