Una domanda ingenua e semplice semplice rivolta all'arcivescovo dell'Aquila monsignor Giuseppe Molinari, suggerita dal professore delll'università dell'Aquila Antonello Ciccozzi:


A L'Aquila la Chiesa gestirà e poi diventerà proprietaria di immobili come la Casa dello studente di Coppito, costruiti sopra i suoi terreni a seguito del terremoto, con fondi pubblici e donazioni. Perchè questo non dovrebbe valere anche per tutti i cittadini espropriati dei loro terreni?

Attendiamo con religiosa pazienza una risposta.

fonte: www.abruzzo24ore.tv
.

0 commenti:

Posta un commento

I commenti anonimi sono sottoposti a moderazione. E' vietato inserire link cliccabili.
Anonymous comments are moderated and it's forbidden to insert clickable links.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *